20 Gen

Pensione - Adeguamenti INPS per il 2015 / 2016
Dopo il nuovo adeguamento alla speranza di vita ecco il quadro completo dei requisiti INPS per la pensione anticipata, di vecchiaia e l'assegno sociale dal 2015 al 2016: l'aumento è di quattro mesi ma non sempre, per le donne dipendenti del privato il balzo è ancora maggiore. Iniziamo il confronto tra i requisiti INPS per le pensioni 2015 e quelle del 2016 con gli uomini: i lavoratori dipendenti pubblici, privati, autonomi, per ottenere la pensione di vecchiaia devono tutti raggiungere i 66 anni e 3 mesi di età nel 2015, mentre nel 2016 andranno raggiunti i 66 anni e 7 mesi. La pensione anticipata per gli uomini richiede 42 anni e 6 mesi di anzianità contributiva (al di là dell'età del soggetto), attualmente, mentre dall'anno prossimo saranno necessari 42 anni e 10 mesi per andare in pensione in anticipo. Più complicata la situazione per le donne: la pensione anticipata ha come requisiti INPS 41 anni e 6 mesi di anzianità contributiva, mentre dall'anno prossimo quella che un tempo era definita pensione d'anzianità richiederà 41 anni e 10 mesi a tutte le lavoratrici. I requisiti per la pensione di vecchiaia delle donne del pubblico impiego sono pari, nel 2015, a 66 anni e 3 mesi, mentre dal 2016 saliranno a 66 anni e 7 mesi; per fare domanda per la pensione di vecchiaia le donne lavoratrici autonome che attualmente necessitano di 64 anni e 9 mesi di età, dovranno raggiungere i 66 anni e 1 mese. Aumento-batosta per i requisiti per andare in pensione delle lavoratrici dipendenti del privato, che dovranno accumulare nel 2016 ben 65 anni e 7 mesi contro i 63 e 9 mesi del 2015.

Le novità per le pensioni tra 2015 e 2016 riguardano anche l'assegno sociale INPS, ovvero la pensione erogata dall'ente previdenziale italiano a quei soggetti che raggiungono un'età avanzata e sono tuttavia sprovvisti di redditi. Nel 2015 sono richiesti 65 anni e 3 mesi per richiedere l'assegno sociale, mentre dall'anno prossimo saranno richiesti anche in questo caso quattro mesi in più, ovvero 65 anni e 7 mesi. Prima di chiudere facciamo inoltre il punto sulla pensione anticipata con contributivo puro, ovvero per la pensione per coloro che hanno cominciato a lavorare dal primo gennaio del 1996 e che può essere ottenuta con un minimo di 20 anni di contributi a patto che l'importo della prima pensione mensile sia pari o superiore a 2,8 volte l'importo proprio dell'assegno sociale. Per questo genere di pensione l'età richiesta nel 2015 è di 63 anni e 3 mesi, come per l'anno precedente, mentre dal 2016 sarà di 63 anni e 7 mesi, seguendo l'adeguamento alla speranza di vita deciso di recente, con un aumento di quattro mesi.

Fonte: INPS


Torna alle News