04 Feb

Bollo auto: abolite agevolazioni per veicoli storici

bollo_auto_storicho_556x210

Bollo auto : abolite le agevolazioni per veicoli storici

In un articolo della settimana scorsa avevamo parlato dell’abolizione del bollo moto agevolato per i veicoli storici su due ruote. Le sorprese portate dal nuovo Decreto Stabilità non finiscono qui, infatti è prevista l’abolizione del bollo ridotto anche per tutte le automobili storiche, cioè prodotte tra i 20 e i 30 anni fa.

Non hanno tardato le reazioni dei collezionisti e degli appassionati di auto d’epoca, che sottolineano il rischio di svalutazione per il patrimonio artistico automobilistico.

Con le nuove disposizioni contenute nel Decreto Stabilità viene eliminato il bollo auto ridotto anche per tutti i veicoli di età compresa tra i 20 e i 29 anni. La motivazione alla base di questa motivazione è stata quella di voler eliminare le truffe legate alle auto storiche. Inoltre in Italia è stata individuata una bassa propensione al rinnovo dei veicoli, questo ha fatto sì che molti automobilisti si sono ritrovati in possesso di auto vecchie, secondo alcuni non propriamente storiche sulle quali godevano di esenzioni fiscali. Proprio per limitare questo fenomeno il governo ha deciso di abolire il bollo auto agevolato.

Abolizione bollo auto agevolato: le reazioni collezionisti e regioni

Le reazioni dei collezionisti non hanno tardato ad arrivare. Secondo loro a causa di questo provvedimento si rischia di svalutare gran parte del patrimonio automobilistico artistico italiano. Molti collezionisti non potendo più sostenere i costi non più agevolati saranno costretti a rottamare il loro veicolo o a venderlo all’estero. Le previsioni non sono affatto rose: a causa del provvedimento solo un quarto delle auto storiche sopravviverà.

Alcune regioni come Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna hanno già avanzato proposte mirate a mantenere un bollo auto per veicoli storici agevolato, nonostante il Governo abbia disposto diversamente. Ora staremo a vedere come verrà giocata questa partita col governo centrale.


Torna alle News